Sicurtech Village

Sicurtech Village
Sicurtech Village

 

A Firenze una giornata intera dedicata alla sicurezza. Parola d’ordine: rimanere al passo con le novità del settore

Si è svolto a Firenze il secondo appuntamento con il Sicurtech Village.

È Alessandro Ronge ad aprire i lavori di una giornata formativa interamente dedicata alla sicurezza antincendio. Per il componente della Consulta Interprofessionale di Prevenzione incendi questi sono appuntamenti necessari per rimanere sempre al passo con le novità del settore.
A sviscerare il nuovo Codice di prevenzione incendi è Francesco Materazzi, Comandante Vicario dei Vigili del Fuoco della Provincia di Firenze. “Il bene maggiore – prosegue il Comandante – di questo nuovo codice sta nel fatto di avere inglobato gli standard internazionali”.
E questo, prosegue Marco Colcerasa (Rappresentante del CNAPPC presso il Comitato Centrale Tecnico Scientifico per la Prevenzione Incendi – Ministero degli Interni), “porta ad un impegno forte da parte dei professionisti”.

“Il Codice ci porterà a un cambio culturale in cui la sicurezza antincendio diventa parte integrata della progettazione dell’opera”. Per l’ing. Luciano Nigro, infatti, conoscere il problema del rischio antincendio significa aver fatto un passo avanti nella comprensione dei fenomeni. Il codice, conclude il Vice Presidente AIIA, da un’opportunità di studio e soprattutto garantisce maggiore vicinanza al contesto europeo.

Conoscere la materia vuol dire avere sott’occhio tutte le norme di riferimento delle diverse aree. Ad affermalo è Natale Mozzanica, Presidente UMAN. Non è possibile far installare impianti antincendio potenti a semplici installatori. Essere specializzati vuol dire avere caratteristiche specifiche.
“Il 70% degli impianti non ha documentazione completa o ne ha di mancante” quando passiamo alla manutenzione ci accorgiamo di tutti gli errori che sono stati fatti.
È per tale ragione che la figura del manutentore è estremamente importante, come ribadisce Stefano Gronchi del Gruppo Manutentori UMAN.

Interessanti approfondimenti sono stati forniti da Tonino Nava (Marioff) che ha illustrato il sistema water mist per la protezione di edifici tutelati: lavorano ad alta pressione con superficie di scambio termico 400 volte maggiore dei sistemi tradizionali. Insieme a lui Carlo Luisi (Ruredil) che ha descritto le potenzialità dei materiali compositi antisfondellamento. E infine Maria Antonietta Maddaluno (Consorzio Tema Group) che ha evidenziato quali sono le soluzioni water mist ad impatto visivo nullo.

SCARICA GLI ATTI DELLA GIORNATA

SESSIONE MATTINA

pdfFrancesco Materazzi | Comandante Vicario Vigili del Fuoco Provincia di Firenze

pdfMarco Colcerasa | Rappresentante del Consiglio Nazionale degli Architetti, presso il Comitato Centrale Tecnico Scientifico per la Prevenzione Incendi – Ministero degli Interni

pdfLiciano Nigro | Vice Presidente AIIA, già Consigliere UMAN e Presidente Eurofeu

pdfNatale Mozzanica | Presidente UMAN

pdfTonino Nava | Area Sales Manager Marioff

SESSIONE POMERIGGIO

pdfLuciano Nigro | Vice presidente AIIA, già consigliere UMAN e presidente Eurofeu

pdfNatale Mozzanica | Presidente UMAN

pdfMaria Maddaluno | Water Mist Specialist Tema Group

pdfCarlo Luisi | Ingegnere – Esperto in sicurezza

pdfStefano Gronchi | Gruppo Manutentori UMAN